bar sostenibile

Come può il caffè del bar diventare più sostenibile?

Anche nel mondo del caffè la tematica ambientale diventa sempre più centrale e la volontà di rendere l‘espresso al bar più sostenibile è prioritaria. Molte aziende torrefattrici impiegano quotidianamente energie e risorse alla ricerca di confezioni a minor impatto ambientale.

Nel consumo domestico la volontà di ridurre l’impatto degli scarti provenienti dall’amata tazzina di caffè è ormai cosa nota. Ne è testimonianza la preferenza verso capsule compostabili recuperabili nella raccolta dell’organico e i sacchetti conferibili nella plastica.

Cosa capita al bar? Alluminio, plastica, materiali misti, il caffè dei professionisti è confezionato in modi diversi, tutti scelti per conservare al meglio e più a lungo i chicchi. Ma un caffè è ancora più buono se riesce ad avere una seconda vita.

Ed è così che, partendo da uno studio attento sul riciclo delle bottiglie di plastica, anche nel mercato del caffè professionale arriva un contenitore in grado di fare la differenza.

Innanzitutto per il materiale utilizzato per la sua produzione – un’innovazione assoluta nel mercato. Il PET (polietilene tereftalato) è la plastica idonea al contatto alimentare perchè leggera, resistente e ottima barriera contro umidità. E soprattutto, è una confezione riciclabile al 100% infinite volte.

E in secondo luogo perché nel nuovo pack che Caffè Vergnano ha pensato per il suo caffè in grani dedicato al mondo horeca, questo PET vergine, presente al 50%, è combinato con un altro 50% di R-PET, Pet riciclato.

R-Pet, dalle bottiglie d’acqua al caffè, la seconda vita delle materie prime

Il riciclo è tra le migliori soluzioni per ridurre l’impatto ambientale e l’R-Pet deriva proprio dal riciclo delle bottiglie di plastica dell’acqua. Queste, opportunamente selezionate, igienizzate e ridotte in scaglie, danno vita ai nuovi imballi di caffè.

La conservazione ottimale del caffè è garantita, senza alcun compromesso o limite: la nuova materia infatti ha le stesse prestazioni del contenitore composto da plastica vergine al 100%.

Il pack di caffè diventa così una vera e propria risorsa che in fase di produzione dimezza l’utilizzo di plastica da fonti non rinnovabili e riduce le emissioni di CO2.

La scelta che fa la differenza

Sempre più baristi, ristoratori, imprenditori cercano nella quotidianità e routine del loro lavoro di rendere il caffè parte di un cambiamento che guarda al futuro, con benefici in termini di impatto ambientale, distintività e competitività.

Così, considerare il fine vita dei prodotti è sinonimo di una nuova sensibilità, sia da parte dei professionisti che dei clienti, sempre più attenti e propensi ad effettuare acquisti e consumi consapevoli.

Scopri di più sulla nuova confezione riciclata che rende il caffè al bar più sostenibile.

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *