Il cucchiaino. Per non confondere quello da tè, da caffè, da gelato, da macedonia…

Il cucchiaino. Per non confondere quello da tè, da caffè, da gelato, da macedonia…

Se per te i cucchiaini sono tutti uguali, hai bisogno della nostra guida. Per imparare a riconoscerli, ed ad usarli nel modo corretto

Mescoli il tè con un cucchiaio dal manico lungo e stretto? Oppure servi il budino con un cucchiaino squadrato? Molto probabilmente nel tuo cassetto delle posate c’è un po’ di confusione e pensi che i cucchiaini siano tutti uguali.

Ma ti sbagli, ed è un peccato perché forse hai in casa già tutto il necessario per fare le cose nel modo corretto. E con due minuti di lettura potresti evitare spiacevoli scivoloni in fatto di galateo della tavola. Magari proprio ad un appuntamento di lavoro, o ad uno galante…

Cucchiaino da caffè: è il più semplice da riconoscere dal momento che è il più piccolo, si usa infatti abbinato ad una tazzina dal diametro inferiore rispetto a quella da tè. Solo per il caffè espresso, o al limite, per alcuni servizi di posaterie, è indicato anche per l’uovo alla coque.

Cucchiaino da tè: È un cucchiaino classico, di media grandezza, con la concavità panciuta. Si usa per tè, tisane, caffè filtro, yogurt, cappuccino, o per altre bevande calde a base di latte servite in tazza da tè, mug, o da prima colazione.

Cucchiaio da tavola: quello per le minestre, le zuppe e per mangiare i cereali della prima colazione.

Cucchiaio da dessert, o da dolce: è più piccolo di un cucchiaio da tavola, ma più grande di quello da tè. Si usa per i dolci al cucchiaio come bavaresi o budini, le macedonie, o per alcuni antipasti.

Cucchiaino da gelato, o paletta: facilissimo da riconoscere, la concavità è piatta e leggermente squadrata. Si usa per servire gelati e sorbetti.

Cucchiaio da bar, o da bibita: è solitamente usato nella preparazione dei cocktail. Ha un manico molto allungato e sottile, a volte ritorto su se stesso, per mescolare gli ingredienti della bevanda. Oltre che nei long drink, può essere servito anche nei frappè, frullati e granite.

Cucchiaio da zucchero: è quel cucchiaio con la concavità caratterizzata da una forma lobata, simile ad una conchiglia, forma che impedisce di confonderlo con quello da dolce o da tè. Di dimensioni intermedie fra i due, si usa solo per prendere lo zucchero dalla zuccheriera. Non le zollette, per le quali esiste una pinza apposita.

Cucchiaino storto: È un cucchiaio che si utilizza solo per i neonati, piccolo e con una leggera stortatura nel manico rispetto alla parte concava.

Condividi l'articolo

Un commento su “Il cucchiaino. Per non confondere quello da tè, da caffè, da gelato, da macedonia…”

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *