Come migliorare la soddisfazione dei clienti al bar e fidelizzarli

Come migliorare la soddisfazione dei clienti al bar e fidelizzarli

Riuscire a soddisfare e fidelizzare i clienti del bar è uno dei traguardi più ambiti: per raggiungerlo, può essere utile adottare qualche strategia ad hoc. Cerchiamo, quindi, di capire cosa fare e come farlo.

Fidelizzare la clientela vuol dire creare un legame, un rapporto che non è a senso unico, ma implica un dare e un ricevere. Tu devi poter far conto sul cliente, il cliente deve ricevere un servizio, per così dire, privilegiato, che gli permetta di avere qualcosa di più allo stesso prezzo.
Un avventore soddisfatto che torna nel tuo locale costa, in termini di pubblicità, meno di un avventore da dover attirare, senza contare che con il suo passaparola diventa a sua volta un ottimo veicolo promozionale.

Tre sono i punti da cui partire:

  • Buon prodotto
  • Buon servizio
  • Buon rapporto qualità/prezzo

Innanzitutto, per far sì che i tuoi clienti siano soddisfatti e desiderino tornare nel tuo locale, il caffè che servi deve essere buono, come materia prima e come preparazione. Si tratta, quindi, di utilizzare le miscele più adatte per ogni tipo di caffè (espresso, lungo, ristretto, macchiato o corretto) e usare nel miglior modo possibile i macchinari a tua disposizione.
Il servizio deve essere educato, attento ai dettagli (tazzina immacolata, tavolino pulito) e sorridente. Un caffè servito da una persona seria o, peggio, adombrata sembra decisamente meno buono!
[shortcode-banner-accademia]

Il costo deve essere rapportato alla qualità, senza sminuire la propria offerta ma senza nemmeno sopravvalutarla: in tempi di crisi, optare per un bar meno costoso è un attimo.

I tre punti sopra descritti sono semplicemente la base di ogni tipo di commercio, ma non sono sufficienti a far sì che la clientela scelga sempre il tuo locale. Ecco, quindi, alcuni spunti per raggiungere un buon livello di customer satisfaction.

  • Individuare il target di riferimento
  • Personalizzare il servizio
  • Proporre tessere a punti

La prima indicazione non è così scontata: studia bene la tipologia di clienti del tuo locale nelle varie fasce orarie (impiegati che fanno colazione al bar? Mamme che prendono un caffè dopo aver portato i figli a scuola? Ragazzi che fanno uno spuntino dopo l’allenamento?) e punta su ciò che consumano maggiormente, per offrire una sempre crescente varietà di proposte in linea con quello che solitamente richiedono. Il caffè è un rito e giocare sulle sue sfumature e sugli abbinamenti è sicuramente una buona mossa per avere una clientela affezionata.

Personalizzare il servizio vuol dire conoscere bene i tuoi clienti, saper anticipare le loro richieste e, magari, poter proporre loro qualche golosa novità (l’ultima proposta di farcitura vegana, una miscela di caffè particolare, ecc.). Un avventore che si sente coccolato, e non un numero tra i tanti, sarà felice di continuare a frequentare il tuo bar!

Infine, visti i tempi di magra, puoi anche pensare di istituire una tessera punti, con cui guadagnare un caffè gratuito, uno sconto sulla consumazione o un prodotto da portare a casa.
[shortcode-banner-didattica]

Condividi l'articolo