venerdì 6 gennaio 2017
LIFESTYLE

Caffè vs Energy Drink: ecco quello che devi sapere

Caffè o energy drink: qual è il modo migliore e più sano per regalarci una carica di energia? Affidarsi alla miscela apprezzata da secoli o scoprire le decantate doti delle nuove bevande? Scopriamolo insieme.

energy drink meglio del caffè?

energy drink meglio del caffè?

I ritmi frenetici della vita moderna ci spingono spesso a cercare in ciò che mangiamo e beviamo un piccolo aiuto per sopportare la pressione dello stress e avere maggiore lucidità mentale e resistenza fisica. Assumere caffeina è il sistema più semplice e immediato per ottenere questi risultati in tempi brevi; se, però, fino a poco tempo fa per darsi la giusta carica di energia bastava gustare una buona tazza di caffè, oggi assistiamo al successo inarrestabile degli energy drink. Va segnalato in verità che i consumatori sono spesso vittime di falsi miti e raramente sono consapevoli degli ingredienti contenuti in questo tipo di bevande.

 

Ecco i 6 ingredienti dei più comuni energy drink:

  • caffeina
  •  taurina
  • guaranà
  • ginseng
  • zuccheri
  • coloranti.

A differenza di quanto spesso si pensi, in un energy drink la caffeina contenuta è inferiore a quella di un comune caffè, ma è associata ad altre sostanze che hanno un effetto stimolante sul sistema nervoso.
La taurina, ad esempio, potenzia gli effetti della caffeina e influisce sull’attività del cuore; allo stesso modo, anche guaranà e ginseng amplificano gli effetti della caffeina sul nostro corpo.

 

Come si può intuire, quindi, gli energy drink sono composti “esplosivi” da assumere con moderazione, soprattutto nel caso in cui a consumarli siano adolescenti. Proprio i più giovani, infatti, rischiano di subirne spiacevoli effetti collaterali a causa della cattiva abitudine di abusarne o di assumerli assieme a superalcolici: un mix davvero pericoloso che può dare origine a reazioni allergiche, tremori, tachicardia, insonnia, perdita di coscienza, vertigini, offuscamento della vista e perdita della percezione del pericolo.

 

Non bisogna, infine, dimenticare l’apporto glicemico di queste bevande, che contengono notevoli quantità di zucchero e dunque andrebbero limitate ad ogni età. Gli energy drink, dunque, vanno assunti solo saltuariamente, in quantità limitata e senza mescolarli mai con bevande alcoliche.

 

Se abbiamo bisogno di una sferzata di energia, non c’è nulla di meglio che concederci una tazza di caffè: che sia un classico espresso o un caffè americano, un caffè filtrato o un buon napoletano, potremo goderci una bevanda calda e confortevole che, oltre a darci la caffeina di cui abbiamo bisogno, ci regalerà anche una serie di effetti positivi a lungo termine. È noto che il caffè, assunto nelle giuste dosi, ha un potere protettivo contro alcuni tipi di tumori, contrasta l’invecchiamento cellulare, combatte l’emicrania e aiuta la digestione. E il tutto, se impariamo a berlo con poco o meglio senza zucchero, con un apporto calorico irrisorio. Se sentiamo il bisogno di una coccola energetica in più, concediamocelo con un quadratino di cioccolato fondente: sarà il modo migliore e più sano per soddisfare il palato e riprendere a lavorare o a studiare con più carica ed entusiasmo.