Caffè patrimonio UNESCO

Caffè patrimonio UNESCO

Il caffè espresso italiano vuole il riconoscimento come Patrimonio dell’Umanità.

All’estero ci hanno già pensato in molti, in Turchia e in Austria ad esempio dove il caffè tradizionale è stato iscritto nella lista del patrimonio immateriale dell’umanità già da un paio d’anni. Oggi anche in Italia abbiamo un obiettivo molto preciso: ottenere l’inserimento del caffè espresso italiano nella lista dei beni tutelati dall’Unesco.

Il Turk Kahvesi, è da secoli la bevanda tradizionale della Turchia e rappresenta la storia e la cultura di un’intera nazione, oltre che essere stato il primo caffè arrivato in Occidente e diventato poi, nelle sue mille varianti, quello che è oggi. I viennesi, dice la leggenda, lo hanno scoperto proprio dai turchi e lo hanno poi reso proprio  “inventando” il caffè, inteso come luogo, e creando la cultura della degustazione come  momento sociale, sensoriale e centro della vita cittadina. Queste le ragioni che hanno portato la commissione di saggi Unesco negli scorsi anni ha decretare la legittimità e originalità di questi caffè come patrimonio dell’umanità.

Anche l’espresso italiano deve fare i conti con scadenti “imitazioni”, in Italia e soprattutto all’estero, e rischia di veder dissolta la sua originalità, ed è così che è nato un Consorzio composto da torrefattori del Nord-Est e produttori di macchine professionali il cui obiettivo è tutelare l’espresso italiano tradizionale, sinonimo di processi produttivi e qualità Made in Italy.

L’espresso è infatti un prodotto tutto italiano, la cui ricetta prevede un perfetto equilibrio di elementi quali la miscela; la grammatura, il grado e il tempo di macinatura; la temperatura dell’acqua e infine la tazzina nel quale è servito. Un bagaglio di storia, tradizioni e conoscenze che giustifica ampiamente il riconoscimento quale bene culturale immateriale. E soprattutto una sua protezione da facili imitazioni.
Si attende la riunione del consiglio per scoprire se la richiesta sarà accolta.

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *