venerdì 24 giugno 2016
LIFESTYLE

Libri sotto l’ombrellone: 5 titoli per 5 tipologie di lettori

C’è chi ama andare al mare anche per rilassarsi con una lettura sotto l’ombrellone, perché la lettura fa parte, a tutti gli effetti, della vita da spiaggia. Ecco cinque titoli per cinque tipologie di lettori.

 

Che cosa leggere sotto l'ombrellone

Che cosa leggere sotto l’ombrellone

Ci si reca in spiaggia solo per abbronzarsi, fare il bagno o passeggiare sulla sabbia? Nulla di più sbagliato, perché in molti amano rilassarsi sotto l’ombrellone con un buon libro, dal momento che la lettura è capace di impegnare la mente e l’anima anche di chi sta trascorrendo una tranquilla giornata al mare.

 

Un lettore accanito non si fossilizza su un solo genere letterario, ma, in maniera più o meno inconscia, tende a scegliere i libri in base a elementi che possano accomunarli. Se si vuole, in un certo senso, provare a delineare delle tipologie di lettori, ecco cinque titoli che possono sicuramente rappresentarle.

 

-“Kafka sulla spiaggia” di Haruki Murakami. La spiaggia citata nel titolo dello scrittore giapponese non è altro che un’immagine metaforica, parte di un percorso a metà tra il reale e l’irreale, compiuto da un adolescente incompreso e in fuga da un padre che non lo comprende. Questo romanzo, come un po’ tutti quelli di Murakami, piace a una tipologia di lettore che è alla continua ricerca di risposte, anche quando non vi sono domande. Chi legge Murakami sotto l’ombrellone prova a dare una chiave di lettura persino al movimento delle onde davanti ai propri occhi ed è, quindi, un lettore costantemente tormentato.

 

-“L’amante di Lady Chatterly” di D.H. Lawrence, per il lettore che ama la letteratura erotica raffinata e che vede in questo romanzo il non plus ultra dell’eros passionale e senza volgarità. Descritto e rappresentato comunque in maniera esaustiva e coinvolgente tra le pagine del romanzo, in cui i sensi di colpa della protagonista si mescolano alla sua definitiva decisione di lasciarsi andare ad un amore senza filtri.

 

-“Amore, zucchero e cannella” di Amy Bratley, per il lettore che cerca sempre l’elemento romantico in ogni romanzo e, allo stesso tempo, una certa leggerezza nei toni. Il lettore che può amare questo libro è soprattutto di sesso femminile e ha una certa propensione per il romanzo che mostra uno spirito frivolo, misto alla passione per un hobby (che sia cucina, shopping, ecc.); il tutto contornato da un effetto tragicomico e una sana, ma contenuta, sdolcinatezza.

 

-“Ectoplasm” di Clive Barker, che parte della serie “Libri di sangue” dell’autore inglese e contiene racconti dalle varie sfumature horror. Infatti, sotto l’ombrellone c’è sempre un fan dell’horror e spesso questa tipologia di lettore preferisce più la letteratura di Barker a quella ormai sdoganata di Stephen King.

 

-“Post-punk” di Simon Reynolds (critico musicale britannico). Non può mancare il lettore che non ama i romanzi e che si “ciba” essenzialmente di saggistica, che sia legata alla cronaca, al costume oppure alla storia. Questo libro riesce a coniugare un po’ tutte le tipologie di saggio in un solo volume, incentrandosi, con un pizzico di nostalgia, su un movimento musicale molto vasto e con molte sfumature.

 

 

Che dire? Stesi, all’ombra, con un bel caffè: non c’è che da augurare buona lettura!