mercoledì 11 dicembre 2013
LIFESTYLE

Il vassoio del caffè di Natale di Csaba

vassoio di Natale di CsabaSul vassoio del caffè di Natale non possono mancare piccole meringhe, biscottini al cioccolato, praline e una piccola ciotolina di panna montata con cannella fresca…Ecco i semplici segreti per offrire un vassoio del caffè impeccabile, specialmente durante le feste…

 

Sia il thé che il caffè sono bevande antichissime e – come tali – portano con loro rituali che varrebbe la pena conoscere, al giorno d’oggi thé e caffè sono piuttosto mortificati nelle abitudini quotidiane di molte padrone di casa, per questo motivo a Natale si può organizzare qualcosa di speciale che rimanga nei ricordi dei nostri ospiti.

Quando si pensa alla composizione di un menù, solitamente, le energie e le attenzioni sono tutte concentrate sul cibo. Per i vini si ricorre al consiglio di un esperto (a meno che non si sia in grado di fare da sé), ma per il vassoio del caffè si pensa, erroneamente, che non ci sia nulla da decidere o pianificare. Niente di più sbagliato. Il momento del caffè è lo spartiacque tra la cena e il pranzo e il “dopo” – ossia la parte di convivialità più allargata. Soprattutto durante le feste, quando magari si riuniscono persone e parenti che non si vedono abitualmente, è un modo molto bello per offrire calore famigliare attraverso il cibo.

Paradossalmente, un buon vassoio del caffè può ribaltare le sorti di una cena dal menù mediocre. Prova e vedrai.

Il caffè e i liquori
Il galateo vuole che caffè e liquori non siano serviti a tavola, ma in salotto. In tempi recenti, l’uso ormai comune di invitare al ristorante e l’assenza di personale domestico ci hanno fatto quasi dimenticare quanto possa essere piacevole, a fine serata, intrattenersi davanti ad una tazza di caffè, ad un liquore o ad un sigaro (per i signori) potendo stare comodamente seduti in salotto. Almeno a Natale, quando il tempo a disposizione lo concede e quando spesso il dopo cena o il dopo pranzo coincidono con lo scambio dei doni, servire un vero e proprio vassoio del caffè fa una grande differenza.
Che lo si serva in salotto o – in mancanza di questo spazio – al tavolo, il modo di servire il caffè e i liquori non cambia. Le tazzine vengono portate su un vassoio d’argento senza centrino, vuote. Su un vassoio a parte, o su un piccolo carrello, puoi allestire invece lo zucchero, il latte e tutto il resto indicato nell’elenco più avanti. Il caffè dovrebbe essere messo in una caffettiera che lo mantenga caldo.

Èla padrona di casa a servirlo agli ospiti, riempiendo ciascuna tazzina per tre quarti e porgendola direttamente alla persona che lo sta servendo. Se si vuole utilizzare la macchinetta per caffè espresso, anziché la classica moka, conviene portare in tavola le tazzine già piene. Questo sistema però non funziona molto bene se i caffè sono molti, perché i primi giungono freddi. In alternativa si possono fare i caffè con la macchinetta e travasare poi nella caffettiera calda. Con il caffè si servono dei dolcetti che vengono chiamati frandises e che hanno la particolarità di poter essere portati alla bocca usando le mani, senza quasi sporcarle. Con la tazzina del caffè è buona regola servire anche un piccolo tovagliolino di lino, che avrai l’accortezza di far stirare senza pieghe.

Contenitori per lo zucchero:anche se i puristi ovviamente non mettono zucchero nel caffè, offrire un paio di barattolini graziosi con cristalli di zucchero grezzo e raffinato bianco è sempre gentile. Sarà la padrona di casa ad offrirlo, per togliere dall’imbarazzo eventuale coloro che, in assenza, lo avrebbero chiesto.

Occorrente per il vassoio del caffè di Natale:
Caffettiera in argento
Tazzine da espresso con cucchiaino
Vassoio in argento senza centrino
Tartufi al cioccolato
Piccole meringhe
Frandises ai frutti rossi
Zucchero di canna e zucchero bianco
Latte in un apposito bricco – freddo e caldo
Panna montata in un’apposita ciotolina trasparente (con cucchiaino)
Cannella fresca, dentro uno spargizucchero
Cacao in polvere, dentro uno spargizucchero
Tovagliolini in lino, stirati appena

I liquori devono essere serviti in salotto. Qualcuno ha addirittura un mobile bar, ma questo non è necessario. È auspicabile invece che i padroni di casa preparino almeno un carrello o un mobiletto allestito per l’occasione. Quando si offrono dei liquori si dovrebbe prevedere una certa scelta, almeno tra diverse tipologie (whisky, Cognac, Porto, Sherry o altro) se non tra diverse marche. È utile avere a disposizione in casa anche un vino da meditazione di qualità, perché alcuni dei tuoi ospiti potrebbero chiederlo. Insieme ai liquori si possono servire bibite gassate o spremute di frutta, apparecchiate sul tavolo a richiesta. Generalmente non si servono pasticcini, ma magari qualche cioccolatino particolare o gelatina di frutta.

(Testo tratto dal libro Merry Christmas, Luxury Books ed.)