giovedì 4 luglio 2019
LIFESTYLE

Espresso mon amour: come ordinare un vero caffè italiano all’estero ed evitare equivoci

Con l’arrivo dell’estate si avvicinano le vacanze e molti di noi decidono di trascorrere le ferie all’estero, magari alla scoperta di spiagge esotiche o per un tour culturale in qualche capitale europea. Si sa, spesso quando si viaggia per lavoro o per piacere, è frequente sentire nostri connazionali lamentarsi della cucina locale, ma probabilmente ciò che manca di più quando si varca la frontiera è il caffè, o meglio l’autenticoespresso italiano.

 

È proprio l’espresso, infatti, ad essere diventato il sinonimo del caffè italiano, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. Una preparazione che consiste nel pressare la polvere del caffè facendo in modo che dall’incontro con l’acqua bollente si crei una bevanda dal sapore e dell’aroma inconfondibile.

Vediamo, quindi, quali sono le caratteristiche di un autentico espresso italiano e come fare ad ordinarlo all’estero, senza evitare equivoci.

 

Le caratteristiche dell’espresso italiano 

 

vero caffè napoletano

vero caffè napoletano

 

L’autentico espresso italiano si contraddistingue per il suo saporeequilibrato: il caffè che potete assaporare al bar potrà essere più o meno acido o più o meno dolce, ma nel complesso deve avere un sapore equilibrato, evitando picchi di gusto in una direzione o nell’altra. Una caratteristica che, per i più, è indispensabile è la consistenza della crema che deve ricoprire interamente il caffè e resistere nella tazzina per almeno 1 minuto o 1 minuto e mezzo.

Per quanto riguarda la quantità di caffè da utilizzare, Il disciplinare italiano prevede 7 grammi di caffè macinato, anche se all’estero i baristi ne utilizzano anche il doppio o il triplo.

 

Come ordinare un espresso all’estero: istruzioni per l’uso 

Ora che abbiamo visto quali sono le caratteristiche di un autentico espresso italiano, non ci resta che scoprire come ordinarlo all’estero, avvicinandosi il più possibile al gusto a cui siamo abituati (anche se ammettiamolo, è davvero difficile)!

 

Il caffè espresso in Inghilterra 

Siete atterrati da poco all’aeroporto e non vedete l’ora di bervi un buon espresso per cominciare al meglio il vostro soggiorno nel Regno Unito? Niente paura, ricordatevi che ordinare un espresso in Inghilterra è più semplice di quanto si pensi, basterà infatti dimenticarsi del termine italiano “caffè” e anziché ordinare un “Coffee” chiedere direttamente un “Espresso”. Potrete poi decidere se optare per la variante “Single” (un semplice espresso) o “Double” (un doppio espresso), con l’aggiunta di un terza variazione possibile, ovvero il “Double, but short” ovvero il doppio espresso, ma ristretto.

 

Come ordinare un espresso in Francia 

Se hai pianificato un viaggio romantico a Parigi o un tour itinerante in Costa Azzurra, ricordati che il caffè espresso come lo conosciamo in Italia non è così semplice da trovare o quantomeno bisogna stare attenti alle alternative che si trovano in Francia. Qui, infatti, questa bevanda viene consumata generalmente al tavolo e non al bancone, ma cosa ancora più importante, tra café au lait (caffè con aggiunta di latte), renversé (caffelatte in cui la quantità di latte è doppia rispetto a quella di caffè)  e café crème (caffè con panna liquida), l’ordinazione fa davvero la differenza. Per avere qualcosa che si avvicini il più possibile a un espresso dovrai ordinare un cafè serrè (ovvero ristretto).

 

espresso all’estero

espresso all’estero

 

 

L’espresso italiano in Germania 

Se entri in una caffetteria tedesca e chiedi “eine Kaffe” senza specificare nient’altro, è molto probabile che ti vedrai servito un Cafè Creme, un caffè lungo realizzato con un’apposita macchina per espresso con doppio portafiltro.

In Germania il caffè si sorseggia a lungo, magari accompagnato da una dolce fetta di torta in compagnia degli amici. Se però avete nostalgia dell’espresso italiano, potete sempre provare ad ordinare un cafè, pronunciando l’accento sulla “e finale”, dal momento che il caffè tedesco (Kaffe) si pronuncia con l’accento sulla “a”.

 

Come ordinare un espresso in Spagna 

Se avete in programma un soggiorno in qualche bella spiaggia della Spagna, anche qui dovete fare attenzione perché le tipologie di caffè presenti sono davvero tante!

Se desiderate un caffè espresso italiano potete provare a chiedere un Café Cortido (state attenti però a non confondervi con il Café Cortado, che corrisponde al nostro “macchiato”) o in alternativa potete un Café Solo, un cafè nero ristretto.

 

L’ espresso italiano in Portogallo

Il Portogallo, con le sue spiagge e calette non ancora prese d’assalto dai turisti,  è una delle mete più amate per chi desidera concedersi una pausa di relax lontano dal caos cittadino, senza rinunciare alla cultura. Se durante la vostra vacanza vi venisse voglia di un espresso italiano, qui potete semplicemente ordinare un “Expresso”, con diverse varianti: “Un’italiana”, se lo desiderate ristretto, “Cheio” per avere una versione più lunga e “Duplo” per avere due espressi nella stessa tazza.

 

Come ordinare un espresso negli Stati Uniti (h3)

Se hai deciso di trascorrere le tue vacanze fuori dall’Europa per concederti un bel tour negli Stati Uniti, saprai certamente che qui il caffè per eccellenza è per l’appunto l’americano. Lungo e rigorosamente bollente, va  sorseggiato comodamente seduti su una poltrona o dentro al classico bicchiere take away. Se però non riuscite proprio a togliervi l’espresso italiano dalla testa, basterà ordinare un “espresso” anziché un semplice “coffee”. Se siete a New York, per esempio, ricordatevi che ci sono numerose pizzerie e ristoranti italiani che offrono la possibilità di bere un caffè espresso nel corso della giornata.

 

Ora che avete a disposizione una piccola guida su come ordinare il caffè espresso all’estero, non rimane che augurarvi buon viaggio!