Le bevande più richieste al bar nel periodo invernale

Le bevande più richieste al bar nel periodo invernale

La stagionalità è una delle caratteristiche più distintive della tua professione. Ogni periodo dell’anno ha le sue peculiarità per tipologia di servizi da offrire. L’inverno è un stagione lunga, fatti trovare pronto!

Al bar come a casa

Oltre ai classici caffè e cappuccino ben caldi, le bevande che ti vengono richieste al bar durante l’inverno, devono essere diverse e preparate con tutte tutte le attenzioni del caso. Per esserne all’altezza occorre immedesimarsi nello stato d’animo dei clienti ed anticipare ogni richiesta specifica con precisione e tempestività.

Le bevande più richieste al bar nel periodo invernale

Il discriminante è la temperatura. Chi te le ordina ne ha bisogno per rinfrancare un’anima infreddolita o alleviare un organismo forse debilitato da qualche malanno di stagione. In altre parole, ti sta chiedendo un qualcosa che lo riscaldi dentro e fuori.
Punch. In tutte le sue varianti nazionali e internazionali, è un fine-pasto confortante e ristoratore. La media alcolica di ogni versione è al di sopra di quella degli altri digestivi, quindi l’ideale nelle buie giornate d’inverno. Per profumare le basi alcoliche puoi usare gli agrumi, le erbe aromatiche, le erbe alpine, lo zenzero.
Cioccolata calda aromatizzata. La cioccolata calda è un trionfo di calorie che ha il potere unico di far sorridere anche chi non ne ha voglia. Nella sua forma base è la bevanda invernale per eccellenza. Un’antonomasia presente in ogni contesto in cui la colonnina di mercurio si abbassa in maniera vertiginosa. Per impreziosire il valore tonificante della bevanda puoi ricorrere al peperoncino o alla cannella con i più esigenti, ma anche alla vaniglia alla paprica dolce con i meno attenti al termometro esterno.
Decotto allo zenzero e limone. In quanto decotto, necessita di una preparazione più lunga di ogni altra bevanda servita al bar. Ma i quindici minuti per far sobbollire lo zenzero fresco saranno l’occasione per ricordare l’estate precedente e pregustare la successiva. L’aggiunta di succo e fetta di limone farà già respirare l’aria di primavera.
Irish Coffee. L’Irish Coffee è un rito tanto per chi lo prepara quanto per chi potrà assaporarlo subito dopo. È arrivato a noi dalla verde Irlanda e ha spopolato a tutte le latitudini, in barba alle temperature e alle condizioni meteorologiche. Già il suo aspetto è in grado di scongiurare gli strascichi della brutta stagione. Nel caso in cui la panna montata sia un deterrente per clienti con esigenze nutrizionali particolari, puoi proporre quella 100% vegetale.
Vin Brulé. La base di vino rosso, le origini contadine e la diffusione della bevanda in tutta Europa sono una garanzia per il periodo invernale. Durante l’Avvento impazza in ogni dove, ma la puoi rendere indimenticabile con l’aggiunta di noce moscata o cannella ai consueti chiodi di garofano. Gli effetti non cambiano, ma il ricordo del palato sì.
[shortcode-banner-accademia]

Condividi l'articolo

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *