martedì 15 settembre 2015
GREEN

Risparmio a casa

L’utilizzo intensivo di elettrodomestici fa lievitare mensilmente le bollette, diventando un peso sul bilancio familiare. In realtà, è possibile correre ai ripari applicando alcuni accorgimenti per risparmiare sui consumi.

Risparmiare sui consumi domestici

Risparmiare sui consumi domestici

Ogni anno milioni di italiani vedono i costi energetici lievitare in bolletta, ma prestando un minimo di attenzione in più all’utilizzo quotidiano degli elettrodomestici di largo consumo è possibile arrivare a risparmiare una cifra che oscilla fra i 300 euro e i 600 euro all’anno.

– Il primo consiglio riguarda l’utilizzo di condizionatori e ventilatori, croce e delizia di tutti coloro che non vogliono farsi cogliere impreparati dal caldo afoso dell’estate. Bisogna far notare che l’utilizzo del condizionatore rispetto al semplice ventilatore comporta dei costi decisamente più elevati, oltre ad incidere sulla salute; per risparmiare utilizzando il condizionatore è sufficiente impostare l’elettrodomestico sulla modalità deumidificatore e abbinarlo all’utilizzo di uno o più ventilatori, a seconda delle necessità e degli ambienti da rinfrescare. Per evitare un consumo intensivo, il condizionatore va poi regolato attraverso l’apposito timer e preferibilmente tenuto spento durante le ore notturne.

– Il secondo consiglio per la riduzione dei consumi riguarda l’utilizzo della lavatrice. Spesso si sente dire in giro che lavare i panni a basse temperature è inadeguato, perché i lavaggi avvengono più grossolanamente ed i batteri non vengono eliminati. Si tratta di una credenza legata prevalentemente alle lavatrici di una volta, quando in realtà le lavatrici moderne, specie se abbinate alle asciugatrici e a soluzioni detergenti appositamente studiate, danno ottimi risultati anche a 30 gradi. Oltre a tenere conto dei gradi di lavaggio, è opportuno considerare anche la capacità di carico della lavatrice: una lavatrice con capacità di carico maggiore infatti consente di effettuare lavaggi più consistenti e meno frequenti. Infine, per ottimizzare i consumi, si può valutare l’acquisto di un’asciugatrice a classe energetica A++ o A+++.

– Così come la lavatrice e l’asciugatrice, anche il frigorifero andrebbe scelto in base alla classe energetica più efficiente: il frigorifero è in assoluto l’elettrodomestico più usato in una casa, in quanto è necessario alla conservazione dei cibi, ma è anche l’unico elettrodomestico che rimane acceso 24 ore su 24. Proprio per questi motivi, un frigorifero di classe energetica A++ o A+++ è preferibile ad un modello vecchio, più economico e privo di etichettatura sulla classe energetica.

– Gli ultimi accorgimenti da sottolineare riguardano l’utilizzo dell’acqua e della luce. È fondamentale non essere distratti nell’uso delle risorse idriche: evitare di tenere sempre il rubinetto aperto, specie quando ci si fa la doccia, e soprattutto  mentre si lavano i piatti, ma aprirla e chiuderla a seconda del risciacquo delle stoviglie. Quanto alla luce, è fondamentale ricordarsi di non dimenticare mai la luce accesa nelle stanze di casa quando si è fuori e spegnere la luce quando si passa da una stanza ad un’altra.